7 aprile 2010

donne e cultura d’impresa (11 maggio, 9 giugno, 24 settembre 2010)

Per la donna che ricopre spesso più ruoli all’interno della stessa giornata, la gestione dei propri obiettivi e del proprio tempo, di lavoro e no, comporta un grado di energia ed efficienza estremente impegnativo.

E’ pertanto indispensabile saper pianificare, programmare e gestire in modo efficace il proprio tempo: farlo significa dominare i livelli di ansia e di stress e realizzare uno stato di equilibrio ed armonia tra ambito professionale e ambito privato.

C’è una componente femminile che può, meglio di altre, lavorare per recuperare e sviluppare le proprie abilità creative e per favorire le abilità creative dei/delle collaboratori/collaboratrici/colleghi/colleghe al fine di affrontare situazioni quotidiane e problemi professionali.

Sviluppare nuove forme di pensiero che favoriscono l’uso dell’emisfero destro permette di gestire con successo e innovazione i cambiamenti che caratterizzano oggi i nostri sistemi aziendali. Il contesto in cui viviamo, lavoriamo e in cui più in generale interagiamo è ricco di situazioni complesse in cui le persone sono chiamate ad accordarsi mediando tra istanze e obiettivi differenti.

In tali situazioni agire con professionalità implica la messa in gioco di competenze funzionali alla gestione del contrasto e del conflitto tali da creare una relazione, aprire un dialogo caratterizzato da un buon autocontrollo e orientato a ricomporre la diversità. La situazione è resa ancora più complessa quando nel contrasto e nel conflitto si incontrano e si scontrano le diversità di genere …I maschi configgono e hanno elevate capacità di recupero, le femmine configgono e a volte la situazione relazionale rimane compromessa.

vedi camera di commercio di lucca

Nessun commento:

Posta un commento